Prevenire la formazione della muffa

Introduzione

Nella maggior parte dei casi, sono gli interrati le zone maggiormente colpite dalla presenza contemporanea dei tre degradi descritti: umidità, efflorescenze saline, formazione della muffa. Questa situazione è tanto più certa, quanto più alla risalita capillare è associata una scarsa areazione dei locali, che non permette il necessario ricambio con l’esterno per svuotare l’ambiente di quella umidità che entra nei locali attraverso le murature.

Diverse problematiche da risolvere in maniera facile, con l’uso di poche soluzioni capaci di lavorare su più patologie, veloci da applicare, senza lunghe preparazioni preliminari con l’uso di prodotti aggiuntivi e durature.

Intervento

La soluzione è l’uso di un intonaco macroporoso capace di gestire e prevenire i problemi legati a questi fenomeni: l’evidente e antiestetica macchia di umido presente in facciata e nei locali interni, il controllo del distruttivo effetto del sale proveniente dal terreno e la formazione della muffa. Un intonaco quindi, dalla grande traspirabilità per garantire l’evaporazione dell’acqua dal muro verso l’esterno senza fenomeni di condensa e conseguente impossibilità di formazione di macchie di umido, la contemporanea formazione di una barriera all’aggressione salina per preservare l’integrità dell’intonaco stesso e con capacità tali da resistere alla contaminazione di muffe e alghe.

_Prevenire la formazione della muffa

webersan evoluzione top
intonaco deumidificante polivalente
webersanevoluzionetop
webersan evothermo
intonaco e rasatura resistente alla contaminazione della muffa
webersanevothermo

Intervento consigliato

webersan evobarriera
iniezione per il controllo dell’umidità da risalita
webersanevobarriera